NAU! raggiunge e supera i 150 punti vendita

NAU!, con l’apertura del nuovo store presso il “Centro Commerciale Carrefour” di Limbiate, ha festeggiato il 150esimo punto vendita in Italia e nel Mondo. Inoltre, poche ore dopo questo traguardo, il fashion brand varesino ha continuato la corsa, inaugurando anche il negozio di Lecco presso il “Centro Commerciale Meridiana”.

Engel & Völkers apre a Trento

Engel & Völkers, Gruppo leader nel settore dell’immobiliare di pregio presente in oltre 30 Paesi e 4 continenti, ha inaugurato il 5 ottobre un nuovo shop a Trento. La nuova sede del Gruppo si trova in Via Carlo Antonio Pilati 11, nel pieno centro della città. Secondo i dati di Engel & Völkers, la domanda è in crescita, con prezzi relativamente stabili nel 2018. In particolare, la zona più ricercata è quella del centro storico, dove si prediligono soluzioni ristrutturate che abbiano un box/posto auto, una cantina e affacci privilegiati. Fuori dal centro si  cercano tipologie di immobili più ampie, come ville con vista panoramica, anche per il mercato delle seconde case. A Trento città, i prezzi medi delle proprietà nuove o ristrutturate oscillano tra i 3.500 euro al mq fino a 4400 euro. Le abitazioni non ristrutturate, invece, hanno un costo al mq che va dai 2.500 euro al mq ai 3.200. In genere chi sceglie il centro storico è un cliente di fascia sociale medio alta, ma non manca la richiesta anche da parte di una clientela universitaria che si concentra in particolare sulle locazioni. “L’apertura del nostro primo shop è stato in città proprio per dare maggior concretezza e visibilità al nostro territorio e al nostro brand”, ha dichiarato Davide Bonalumi, Licence Partner di Engel & Völkers Trento. “Partiamo dal nucleo urbano più numeroso per poi svilupparci in altre aree e andare a coprire le nostre splendide località turistiche. Questo sarà il nostro quartier generale ma stiamo ragionando su altre aperture che andranno da 4 a 6 ulteriori shop in tutta la nostra provincia. In particolare, le prossime aperture coinvolgeranno le zone di Riva Del Garda, Dolomiti di Brenta e Marmolada-Lagorai. Siamo molto soddisfatti del progetto che stiamo portando avanti con il Gruppo, per questo puntiamo a crescere nella Regione puntando anche sul reclutamento di nuovi agenti immobiliari”.

Il Salone Franchising Milano e i giovani

Il Salone Franchising Milano che apre i battenti il 25 ottobre a Fieramilanocity, si presenta come piattaforma innovativa per la nuova imprenditorialità visti i giovani, ben 162 mila, che nel 2017 si sono avvicinati, tramite il web o aprendo un’attività, alle formule commerciali in affiliazione. La storica fiera, divenuta evento proiettato al futuro del retail, offre la possibilità di confrontare le proposte di oltre 200 catene commerciali, visitando gli stand e facendo colloqui per verificare le condizioni per iniziare. Ci saranno spazi per frequentare i corsi gratuiti della Franchising School su come mettersi in proprio con l’affiliazione o su come evitare contatti capestro e truffe. Infine incontri per una consulenza personalizzata su tutti gli step dell’affiliazione (F For You), con testimonianze dei franchisee che hanno già avuto successo. «La crisi economica e l’evoluzione tecnologica hanno portato a una diminuzione dell’offerta di posti fissi di lavoro», sottolinea Antonio Fossati, presidente di Salone Franchising Milano, «di qui una maggiore ricerca di attività in proprio, start-up o altre forme di autoimprenditorialità. Nel franchising, dove sono richiesti investimenti per l’avviamento e capacità di gestione, quando parliamo di giovani ci rivolgiamo a una fascia tra 25 e 35 anni. A questi giovani raccomandiamo di non limitare al web la ricerca di eventuali affiliazioni, ma di venire in fiera per toccare con mano le proposte». Tra le novità di Salone Franchising Milano c’è anche Re.start-smart up your business, un talent show per giovani che presentano progetti di nuovi negozi. L’iniziativa ha avuto grande successo nella sua prima edizione del 2017, grazie al lavoro di Campus Fandango Club, organizzatore di Sfm dalla passata edizione, che ha trasformato l’evento proponendo sempre più contenuti di intrattenimento e di formazione. A oggi 12.711 giovani (tra i 25 e i 35 anni) gestiscono un punto vendita in franchising (il 24,6% del totale dei 51.671 negozi in affiliazione italiani). A fine 2017 si sono avvicinati al franchising 162 mila giovani (+8% rispetto all’anno precedente): il 53% di essi è spinto dall’opportunità di divenire imprenditore, il 49% dal desiderio di aumentare il proprio guadagno, il 25% dalle potenzialità della distribuzione moderna.

Engel & Völkers apre a Bardolino, sul Lago di Garda. L’80% della clientela è straniera

Engel & Völkers, Gruppo leader nel settore dell’immobiliare di pregio presente in oltre 30 Paesi e quattro continenti, inaugura oggi un nuovo shop a Bardolino, sul Lago di Garda. La nuova sede del Gruppo si trova in Via Dante Alighieri 26, nel pieno centro della città. L’area è considerata particolarmente strategica dall’azienda, alla luce del forte interesse da parte della clientela straniera, in prevalenza tedesca, svizzera, austriaca e olandese. In particolare, gli immobili richiesti nell’area di Bardolino si posizionano in una scala di valore che oscilla tra un milione e 2 milioni e mezzo di euro. Le tipologie più ricercate sono ville storiche con piscine e parchi con vista lago, cosi come case moderne con ampie vetrate e rustici ristrutturati con gusto. In questi contesti, i valori possono andare dai 4mila ai 5.500 euro al mq. “Siamo molto soddisfatti dell’apertura del nostro nuovo punto vendita perché il Lago di Garda ha registrato un forte incremento della domanda di immobili di pregio, specialmente da parte della clientela internazionale. Per quanto concerne i trend di mercato, le tipologie di acquisto più richieste, oltre alle ville storiche, riguardano appartamenti e ville di recente costruzione e dal design moderno, con un buon livello di domotica e un’alta prestazione energetica”, hanno dichiarato Barbara Quaresmini e Stefano Bani, Licence Partners di Engel & Völkers Bardolino-Peschiera. Per Engel & Völkers il nuovo shop è un ulteriore sviluppo dell’azienda in quest’area. Engel & Völkers ha registrato, nel primo semestre del 2018, un fatturato pari a 328,2 milioni di euro con un aumento del 9,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (primo semestre 2017: 300,6 milioni di euro). In Italia, la divisione residenziale in franchising ha raggiunto una crescita del 24%, passando dagli 8,7 milioni di euro in ricavi netti da commissioni della prima metà del 2017 ai 10,8 milioni di euro nel primo semestre 2018. La crescita generale dei ricavi, per l’Italia, incluse le altre divisioni aziendali presenti sul territorio, è pari al 10%.

NAU! protagonista a Milano XL 2018 con la Collezione Green

NAU! sarà protagonista di Milano XL 2018, l’evento promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e da Agenzia ICE dedicato alla presentazione delle eccellenze italiane durante la settimana della moda milanese (dal 19 al 25 settembre 2018), con l’esclusiva Collezione Green.
L’edizione 2018 della manifestazione è dedicata alla Sostenibilità e prevede una serie di mini-padiglioni a forma cubica di grande effetto scenico posizionati nel centro di Milano, finalizzati a esporre prodotti di grande qualità realizzati dall’eccellenza del saper fare italiano e dimostrare la sostenibilità dei metodi, dei criteri e dei sistemi produttivi delle aziende italiane.
I modelli NAU! della Collezione Green realizzata in plastica riciclata fino al 96%, selezionati dai curatori dell’evento per l’attenzione alla sostenibilità, saranno esposti nell’installazione dedicata all’Occhialeria, realizzato in collaborazione con Anfao-Mido e situata in Piazza San Carlo, che avrà come tema il dialogo tra l’evoluzione dei modelli dell’occhialeria: dai primi esperimenti con lenti ottiche alle montature contemporanee legate alla sostenibilità, in relazione al mondo del teatro, grazie ad un video animato che verrà proiettato all’interno del cubo.
Un riconoscimento per il brand di occhiali fashion varesino, già vincitore del premio Economia Circolare 2017 di Legambiente, a testimonianza del costante impegno nel coniugare gli obiettivi economici e di redditività con quelli di natura sociale e ambientale.
Una responsabilità che porta NAU!, primo brand a sviluppare e realizzare collezioni di occhiali in plastica riciclata fino al 96%, a gestire le proprie attività perseguendo la tutela dell’ambiente ed il miglioramento continuo delle prestazioni in questo particolare ambito, anche in considerazione degli impatti ambientali dovuti all’attività produttiva.
Un impegno che ha portato NAU!, nel 2011, a essere la prima marca di occhiali a ottenere la certificazione di basso impatto ambientale, ossia la Certificazione Ambientale UNI EN ISO 14001, che fissa i requisiti di un sistema di gestione ambientale corretto nei confronti della natura e la Certificazione ISO 9001.

Original Marines: proseguono le iniziative di corporate social responsibility in occasione del 35esimo anniversario di attività- Il brand continua a sostenere Fondazione ABIO Italia Onlus e realizza una speciale capsule collection

Napoli, 28 agosto 2018 – Proseguono le iniziative di corporate social responsibility pianificate da Original Marines in occasione del 35esimo anniversario del brand.

Dopo l’accordo siglato con Fondazione ABIO Italia Onlus lo scorso aprile, il brand campano sceglie di continuare a sostenere economicamente i progetti istituzionali di Fondazione che gestisce e coordina a livello nazionale le attività di 66 Associazioni ABIO attive sul territorio italiano.

Questo importante progetto rientra in un piano strutturato di iniziative di CSR che accompagneranno, da ora in avanti, l’attività di Original Marines. Il tema della CSR è, infatti, fortemente sentito dal brand che è particolarmente impegnato anche nella promozione e nel sostegno di pratiche di sostenibilità nella filiera dell’abbigliamento.

Con l’obiettivo di valorizzare la partnership, Original Marines prevede numerose attività nei propri punti vendita su tutto il territorio nazionale a supporto di Fondazione. Una speciale capsule collection realizzata per Fondazione ABIO Italia Onlus sarà venduta a partire da metà settembre in tutti gli store Original Marines e i proventi saranno devoluti ai suoi progetti. Due modelli di wind jacket, uno declinato per le bambine e uno per i bambini, proposti in bianco con dettagli blu e rosso a contrasto, contaminati da interventi active-sport che sottolineano l’anima sportswear del brand.

Originale ed estremamente cool, la capsule Original Marines è portavoce della filosofia del brand che privilegia il saper vivere, lo stile, il comfort e la qualità in ogni espressione.

Inoltre, a sostegno della Fondazione, Original Marines dedica giornate evento in store che si inseriscono nell’ambito del progetto  “Original Days”. In particolare, il programma prevede le giornate “Costruiamo un arcobaleno by Fondazione ABIO” durante le quali i volontari delle Associazioni ABIO, negli store Original Marines, organizzano divertenti attività per i bambini e raccontano ai genitori i progetti di ABIO che, dal 1978, ogni giorno si prende cura dei bambini ricoverati in ospedale.

Siamo uno dei principali marchi italiani per bambini – commenta Antonio Di Vincenzo, Presidente di Imap Export, società che detiene il marchio Original Marines – e nel nostro percorso sono stati fondamentali il rispetto per i più piccoli e la condivisione di un importante sistema di valori. Riteniamo estremamente importante essere attivi sul fronte della Corporate Social Responsibility e per questo motivo abbiamo scelto di realizzare iniziative quali il sostegno ai progetti di Fondazione ABIO Italia Onlus”.

Fondazione ABIO Italia Onlus condivide con l’azienda l’importante e costante attenzione al mondo dei bambini, la capacità di prendersene cura, di essere vicini ai loro bisogni e il desiderio di regalare loro sempre un sorriso.

Original Marines sarà, inoltre, sostenitore unico della Quattordicesima Giornata Nazionale ABIO, che sarà celebrata il 29 settembre in 150 piazze italiane.

Tramezziamo, il tramezzino artigianale

Tramezziamo è un laboratorio di tramezzini artigianali che svolge il lavoro con serietà e professionalità da molti anni con grande passione: quando si ordina da Tramezziamo, non ci si aspetta un semplice tramezzino, ma l’attento abbinamento di materie prime eccellenti. Nel laboratorio vengono principalmente preparati e realizzati tramezzini, ma anche (su prenotazione) possono essere prodotte pizzette rosse di sfoglia, pizzette bianche di pane con verdure, rustici di sfoglia assortiti, sandwich, panini bottoncini, mini croissant salati farciti, pan brioche, tartine e tanto altro. Oltre a preparare delizie di grande bontà, offre una serie di servizi: svolge un servizio di catering, effettua consegne a domicilio, propone personale di sala a richiesta anche per piccoli banchetti e per buffet freddi e caldi. A tal proposito Tramezziamo ha firmato feste nei locali più importanti ed esclusivi del Lazio. La scelta è accuratissima sia per la selezione delle materie prime, sia per l’utilizzo delle più moderne tecnologie di produzione e confezionamento. I prodotti, infatti, si caratterizzano per l’alta qualità, la genuinità e la tradizione; naturali e semplici, vengono curati artigianalmente secondo le norme HACCP. Il ciclo produttivo, il confezionamento ed il trasporto avvengono in tempi ristretti che permettono la consegna di un prodotto sempre fresco e la possibilità di un adeguato tempo di conservazione. Le qualità che contraddistinguono Tramezziamo sono, da sempre, capacità e flessibilità produttiva, che gli consentono di accontentare il più esigente dei clienti. Scegliere di entrare nel mondo di Tramezziamo conviene, perché spazio, tempo e sprechi di ogni tipo si riducono e si può calcolare fino al centesimo i propri costi. Inoltre si aggiunge la possibilità di avere a disposizione una gamma di più di 40 prodotti tra tramezzini, panini e insalate. Una vasta scelta che non potrà che esaltare ancora di più la propria attività di ristorazione. Ecco perché, inoltre, ricerca in tutta Italia fornitori specializzati per garantire i più alti standard qualitativi.

Sushi per tutti… in franchising

Ambizione, audacia e grande passione per la cucina nipponica, oltre che per quella italiana hanno spinto due giovani cuoche trentenni a realizzare il sogno di creare un brand in franchising. La Susheria è il ristorante con casa madre a Ravenna dove la tradizione nipponica del sushi incontra i sapori italiani, dando vita ad un menù fresco, attento alle esigenze alimentari della società contemporanea. Il claim del brand è #sushipertutti, ma rispettando le diversità alimentari di ognuno. Offrono, infatti, specialità rivisitate a seconda delle esigenze di ciascun palato, con un menù vario e con una vasta scelta anche di piatti vegetariani e vegani e valorizzando la materia prima ittica e le classiche ricette nipponiche con pregiati prodotti della cucina italiana. Il tutto coronato dall’idea di rendere la formula de La Susheria replicabile anche per imprenditori che non sono già nel campo della ristorazione. Il prodotto lanciato dalle due cuoche ravennati è fatto con ingredienti di qualità facilmente reperibili e procedure standardizzate per una trasmissione veloce e chiara, ottenendo una proposta innovativa e fuori dagli schemi, dalla grafica agli abbinamenti. La giovane sushi-chef Talita Martini garantisce: chi crede nel progetto viene ricompensato. L’affiliazione al marchio La Susheria è, infatti, una novità nel panorama della ristorazione giapponese fusion; il brand, grazie a una grafica accattivante, giovane e d’impatto, sa catturare l’occhio di un target vario di pubblico.

Ok a fusione Essilor-Luxottica

A poco più di un anno e mezzo dall’annuncio avvenuto a metà gennaio dello scorso anno, Luxottica ed Essilor hanno ottenuto l’ultimo via libera all’operazione di fusione tra i due gruppi, dalla quale nascerà un colosso del settore dell’occhialeria, con ricavi combinati superiori a 16,5 miliardi di euro e oltre 140 mila impiegati e addetti, distribuiti in più di 150 paesi. Tra le restrizioni indicate dal regulator di Pechino spicca che il gruppo risultante dalla fusione non potrà vietare ai venditori di occhiali cinesi di vendere anche i prodotti della concorrenza, esclusi store monomarca e di quelli in franchising. Inoltre, le autorità locali dovranno essere informate preventivamente nel caso in cui EssilorLuxottica volesse promuovere operazioni di M&A sul territorio cinese. L’operazione Essilor/ Luxottica resta ancora in attesa di un unico via libera, quello delle autorità antitrust turche, che però non è vincolante. Lo schema dell’accordo tra i due gruppi prevede che la holding Delfin di Leonardo Del Vecchio diventerà il socio principale del nuovo gruppo con una quota tra 31 e 38%.

Ok a fusione Essilor-Luxottica

A poco più di un anno e mezzo dall’annuncio avvenuto a metà gennaio dello scorso anno, Luxottica ed Essilor hanno ottenuto l’ultimo via libera all’operazione di fusione tra i due gruppi, dalla quale nascerà un colosso del settore dell’occhialeria, con ricavi combinati superiori a 16,5 miliardi di euro e oltre 140 mila impiegati e addetti, distribuiti in più di 150 paesi. Tra le restrizioni indicate dal regulator di Pechino spicca che il gruppo risultante dalla fusione non potrà vietare ai venditori di occhiali cinesi di vendere anche i prodotti della concorrenza, esclusi store monomarca e di quelli in franchising. Inoltre, le autorità locali dovranno essere informate preventivamente nel caso in cui EssilorLuxottica volesse promuovere operazioni di M&A sul territorio cinese. L’operazione Essilor/ Luxottica resta ancora in attesa di un unico via libera, quello delle autorità antitrust turche, che però non è vincolante. Lo schema dell’accordo tra i due gruppi prevede che la holding Delfin di Leonardo Del Vecchio diventerà il socio principale del nuovo gruppo con una quota tra 31 e 38%.