Il franchising dei servizi entra in una nuova era

Dalla sharing economy alle assicurazioni, dalla bellezza alla cura degli anziani, le opportunità per chi vuole avviare un’attività nel settore dei servizi non mancano. 

Per anni “sorella povera” di settori come abbigliamento e ristorazione, le mutate esigenze della popolazione e i nuovi bisogni creati dalle nuove tecnologie hanno trasformato questa nicchia di mercato in un’importante leva della nostra economia, tanto da rappresentare ormai la metà del totale del commercio.

In un contesto economico dove i servizi assumono un carattere di vastità, forte è il bisogno di acquisire nuove conoscenze in questo settore. I servizi costituiscono infatti un mondo eterogeneo. La complessità dei servizi può derivare dalla complessità del bisogno e dalle numerose (ed elevate) professionalità necessarie per darvi una
risposta: si pensi al servizio sanitario, al settore benessere e salute. La complessità dei servizi può derivare anche dalla modalità di fruizione da parte del cliente: si pensi al prodotto turistico, alberghiero, al settore immobiliare.

In un settore così vasto i vantaggi di diventare franchisee (o affiliato) si riassumono essenzialmente in un concetto: quello di riduzione del rischio di impresa. Chi decide di affiliarsi a una rete in franchising può contare su un piano di investimenti studiato dalla casa madre (il franchisor, o affiliante), sull’analisi preventiva delle possibilità di far fronte agli impegni assunti, sulla conoscenza – fin da prima della firma del contratto di affiliazione commerciale (e cioè, di franchising) – dell’andamento di entrate e uscite di un affiliato-tipo della rete di interesse.

Vuoi fare delle domande ai protagonisti del settore? Iscriviti gratis al nostro Webinar https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_SgNWFCCxROKJzi9uXEjSTQ