Bonus Pubblicità 2020, risparmia il 50% sull’investimento

Il Bonus Pubblicità è un’agevolazione fiscale sotto forma di credito d’imposta. Il Decreto Rilancio ha elevato per il 2020, la misura del bonus pubblicità al 50%. La base di calcolo dell’agevolazione è costituita dall’intero valore dell’investimento pubblicitario.

Con la nuova disposizione normativa , ai fini della concessione del credito d’imposta nel limite di 40 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici, anche online, e nel limite di 20 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato, la comunicazione telematica è presentata nel periodo compreso
tra il 1 ed il 30 settembre del medesimo anno.

Più in dettaglio si evidenzia che la variazione introdotta per l’anno 2020, riguarda esplicitamente due elementi:

  • la base di calcolo del credito d’imposta, che non si identifica più con il valore incrementale dell’investimento pubblicitario programmato nel 2020 rispetto a quello effettuato nel 2019, bensì si identifica più semplicemente con il valore dell’intero investimento pubblicitario programmato ed effettuato nel 2020;
  • la percentuale dell’investimento, riconoscibile come credito d’imposta, che è stabilita
    nella misura unica del 50 per cento.

Premesso quanto sopra, va anche chiarito che l’espresso riferimento al “valore degli investimenti pubblicitari effettuati”, in assenza di un qualsivoglia richiamo al loro valore incrementale, fa venir meno, per l’anno 2020, il presupposto dell’incremento minimo dell’1% dell’investimento pubblicitario, rispetto all’investimento dell’anno precedente, quale requisito per l’accesso all’agevolazione fiscale.
Ciò comporta che, limitatamente all’anno 2020, possono accedere all’agevolazione anche i soggetti che programmano investimenti inferiori rispetto a quelli effettuati nel 2019, i soggetti che nell’anno 2019 non abbiano effettuato investimenti pubblicitari ed infine i soggetti che hanno iniziato la loro attività nel corso dell’anno 2020.

A chi è destinato il Bonus Pubblicità

Le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali, che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica anche on line e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Le condizioni dell’agevolazione

L’utilizzo del credito di imposta esclusivamente in compensazione mediante il modello F24, che deve essere presentato tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.

Che cosa devono fare i soggetti interessati 

  • la “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”, prevista dall’articolo 5, comma 1, del D.P.C.M. n. 90/2018, contenente i dati degli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato. Le prenotazioni, per il 2020, sono state spostate recentemente dal 1° al 30 settembre 2020;
  • la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per dichiarare, ai sensi dell’articolo 47 del D.P.R. n. 445/2000, che gli investimenti indicati nella comunicazione per l’accesso al credito d’imposta, presentata in precedenza, sono stati effettivamente realizzati nell’anno agevolato e che gli stessi soddisfano i requisiti di cui all’articolo 3 del D.P.C.M. n. 90/2018. Dal 1° gennaio al 31 gennaio 2021 .

L’ammontare del credito d’imposta effettivamente fruibile da ciascun richiedente è stabilito con provvedimento del Dipartimento per l’informazione e l’editoria (articolo 5, comma 3, del D.P.C.M. n. 90/2018), pubblicato sul sito istituzionale del Dipartimento stesso entro il mese di marzo 2021.

Investire su AZ Franchising e accedere al Bonus

AZ Franchising, in qualità di testata giornalistica registrata, è uno dei magazine interessati dal Decreto Rilancio e dunque programmare uno spazio pubblicitario nell’arco del 2020 sui nostri mezzi, oltre a garantire un’ottima visibilità, sarà molto più economico.

*Redazione AZ Franchising

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *