Come entrare nel franchising di casalinghi Kasanova

La crisi ha aiutato le grandi reti in franchising di casalinghi perché la gente ha riscoperto il sapore di stare a casa, di cucinare a casa, di invitare gli amici a casa. Emanuele Camoni (foto), responsabile delle reti affiliati di Kasanova, ci fornisce una lettura originale da un punto di osservazione privilegiato, quello dell’azienda F.lli Fontana Srl, storico punto di riferimento (è nato nel 1968) nel settore dei casalinghi. Ci spieghi meglio.

camoni-kasanova

In che modo la crisi ha cambiato il settore?
“Ci sono due fattori che reputo interessanti. Da una parte le limitate capacità di spesa degli italiani e dall’altra l’offerta preponderante di programmi di cucine. Insieme, questi due aspetti hanno spinto l’italiano a riscoprire l’abitazione sia come momento conviviale sia come spazio dove sperimentare ai fornelli. In questi anni, il combinato disposto di tutto questo ha addirittura avuto ripercussioni sulle vendite dei nostri prodotti”.

Un esempio?
“Qualche anno fa vendemmo così tanti esemplari di una pinza da cucina che mettemmo in difficoltà i nostri fornitori. Il tutto era nato dalla trasmissione di Rai Uno ‘La prova del cuoco’”.

Come si è evoluto nel tempo, invece, il franchising di casalinghi Kasanova?
“Grazie ai nostri negozi nel territorio siamo recettivi nei confronti dei gusti del cliente, siamo più veloci nel leggerne i cambiamenti rispetto a un semplice produttore e trasmetterli sui prodotti in vendita. Ne è un esempio la nostra linea private label. I prodotti a marchio Kasanova rappresentano ormai un 30 per cento del totale del nostro venduto”.

Quanto margine hanno gli affiliati sui prodotti a marchio?
“Da 5 a 10 punti percentuali in più rispetto agli altri prodotti non a marchio. Il margine è garantito anche sui prodotti in promozione”.

Che tipologia di location cercate?
“Una location primaria con parecchio traffico pedonale al fine di sfruttare al meglio l’aggressività della formula e lavorare su volumi di venduto importanti. È importante che ci sia tanta gente che cammini e che entri nei nostri negozi attirata dai prezzi bassi (in questo momento, abbiamo quattro fasce a 1, 3, 5, 9 euro). Dall’esperienza abbiamo imparato che, una volta entrato, il cliente sfora il budget che si era prefissato. Anche grazie ai prodotti che noi chiamiamo ‘civetta’”.

In quanto tempo si rientra dell’investimento iniziale?
“L’ambizione è quella di autofinanziare l’attività con il venduto. Lavoriamo sul flusso di cassa il cui ammontare il potenziale affiliato può trovare nel business plan che gli forniamo. Da lì, capisce già quanto deve lavorare per rientrare dell’investimento. Al resto pensiamo noi”.

Prevedete finanziamenti per i vostri affiliati?
“Il primo impianto di merce può essere pagato in 6 mesi senza interessi o in 12 mesi a interesse del 3 per cento. Il pagamento dei riordini sono a 60 giorni. A parziale copertura del primo impianto merce e dei riordini chiediamo una fidejussione bancaria nell’ordine dei 50/60 mila euro”.


Vuoi aprire un franchising di casalinghi Kasanova? Compila il form sottostante:

[contact-form-7 id=”3483″ title=”Customer Card Contact Form ITA”]

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.