Le promozioni su Facebook geolocalizzate

Promozioni su facebook: è necessario fare molta attenzione sul contenuto della comunicazione e alle regole restrittive che il social impone.

Per essere efficaci attenzione a: testo sull’immagine, ai video, anticipatevi per l’approvazione e sfruttate la possibilità di revisione.

di Mattia Nicoletti*

“Adesso che abbiamo aperto il nostro nuovo negozio possiamo partire con la distribuzione di volantini”. Questa fino a quel tempo fa, ma in molti casi ancora oggi, era la modalità più semplice e diretta per comunicare nella zona di riferimento l’apertura di un nuovo punto vendita. Con l’avvento dei social media e la possibilità di fare promozioni su Facebook geolocalizzate con apparente facilità, molte persone decidono di investire parte del budget su questo tipo di comunicazione. Tuttavia, tralasciando alcuni aspetti sul processo da affrontare per realizzare una promo su Facebook di cui abbiamo scritto numerose volte, è necessario fare molta attenzione sul contenuto della comunicazione. E non ci riferiamo alle sole regole di comunicazione ma alle regole restrittive che Facebook impone. Dopo il caso Cambridge Analytica, l’azienda guidata da Zuckerberg ha infatti “stretto le maglie” sulle promozioni dettando alcune regole che chi non fa spesso pubblicità su Facebook non può conoscere (molte di queste regole si apprendono infatti solo con l’esperienza). Ecco alcuni accorgimenti da utilizzare per far sì che la promozione vada a buon fine.

Il testo sull’immagine
Una delle grandi tentazioni per chi fa promozioni su Facebook è quella di utilizzare immagini e video con molto testo per fornire ogni tipo di informazione per il possibile consumatore. Dalla descrizione del prodotto/servizio al prezzo, senza tenere conto che Facebook penalizza la visibilità quando il testo supera il 20-30% dell’immagine. Penalizzazione significa che il numero di persone che si potrebbero raggiungere (nel caso di obiettivo copertura) può essere notevolmente più basso al termine della promozione. E’ quindi fondamentale inserire nell’immagine solo l’informazione più importante (che in ogni caso la rende anche più immediata.

Attenzione alle immagini e ai video
L’algoritmo di Facebook che analizza le promozioni, analizza anche le immagini per evitare che si promuova qualcosa di illecito o comunque vietato. C’è il rischio ad esempio che se si vuole fare una pubblicità di intimo Facebook notifichi che la promozione non può essere accettata per il troppo elevato quantitativo di pelle mostrato nell’immagine o nel video. Ed è assolutamente possibile che Facebook non notifichi nulla se l’immagine/video è semplicemente postata ma non messa in promo.

Anticipate la promozione

Poiché la promozione di frequente viene avviata nei tempi in cui vorremmo che fosse vista dal target di riferimento, spesso si dimenticano due cose. La prima è che per approvare una promozione spesso ci vogliono diverse ore (quindi se fate una promozione alle 8 del mattino può essere che venga avviata alle 12), la seconda è che se non viene approvata dovete cambiarla o chiedere la revisione (nel punto successivo approfondiamo questo argomento) con una conseguente ulteriore perdita di tempo. Una soluzione può essere quella di anticipare di un giorno il post e programmare la promozione con la partenza stabilita in origine. Così avrete più tempo per gestire gli eventuali problemi.

Sfruttate la possibilità di revisione

Quando Facebook non approva un contenuto in promozione, le possibilità sono due. O cambiate il contenuto oppure, se ritenete che il contenuto non abbia ragione di essere bloccato, chiedete la revisione manuale. Quando la chiedete, Facebook vi chiede di motivare la ragione per cui ritenete che sia un errore bloccare la promozione. La revisione manuale può richiedere fino a 24 ore di tempo

Non perdetevi d’animo

Può accadere che una promozione non venga approvata e che, nonostante le spiegazioni, di frequente criptiche, di Facebook, non si capisca la reale ragione del blocco. Se anche dopo la revisione manuale Facebook la respinge nuovamente, provate a cambiare il contenuto. Ad ogni buon conto solo con l’esperienza si può prevedere se un contenuto può essere a rischio, quindi non prendetevela con l’ottusità dell’algoritmo ma cercate di superarlo con la vostra intelligenza.

*Creative marketing strategist and producer – Dreamcatchers Entertainment

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *