Smart&Start: per start-up innovative

È un bando di INVITALIA è prevede un finanziamento a tasso agevolato fino all’80%

Di seguito tutte le informazioni per accedere al finanziamento: soggetti beneficiari, requisiti richiesti, tipologia di interventi ammissibili

 

 Dott.ssa Francesca Paleari

Founder & General Manager Obiettivo Sviluppo

 

Nel recente indice pubblicato da Bloomberg, relativo ai paesi con le economie più innovative al mondo, l’Italia è fuori dalla TOP 10, guidata invece per il secondo anno consecutivo dalla Germania, con Sud Korea e Singapore a completare il podio.

Sorprende, per la nostra storia e per il tessuto imprenditoriale italiano, vedere come il nostro paese sia ormai dietro a realtà come i paesi scandinavi, o a nazioni consolidate come USA e Francia (si veda grafico completo).

Analizziamo due strumenti importanti creati proprio per far fronte alla necessità di innovazione nella e della economia italiana.

Il primo è il veicolo attraverso il quale si può poi accedere a forme di finanziamenti contributi ed agevolazioni come appunto, per esempio, il recente bando Smart&Start.

Una start-up innovativa è una società (di capitali), avente sede in Italia, creata appositamente con il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179/articolo 25, con lo scopo di favorire l’occupazione giovanile e semplificare l’accesso agli strumenti finanziari per le imprese giovani che puntano all’innovazione. Una serie di altri requisiti formali sono obbligatori per poter essere iscritti nella sezione speciale delle Camere di Commercio dedicate questa particolare categoria di società. Tra gli altri:

  • Non essere costituita da più di 60 mesi;
  • Fatturato < 5 milioni Eur;
  • Non distribuire utili;
  • Oggetto sociale: innovazione tecnologica, sia di prodotti che di servizi;
  • Non deve essere stata costituita tramite fusione, scissione o cessione di ramo d’azienda;
  • Spese R&S > 15%;

Analizziamo ora un interessante bando di INVITALIA recentemente aperto (20 gennaio 2020), denominato Smart&Start, che prevede un finanziamento a tasso agevolato fino all’80% a sostegno proprio delle startup innovative.

Anzitutto, sarà ora possibile presentare domanda solo se si rispettano i nuovi requisiti previsti, specificatamente:

  1. la semplificazione dei criteri di valutazione per la concessione delle agevolazioni e l’introduzione di nuove premialità in caso di collaborazione con organismi di ricerca, incubatori e acceleratori d’impresa, compresi i Digital Innovation Hub, e di realizzazione di piani di impresa al sud da parte di start up già operative al centro-nord;
  2. una nuova definizione dei piani di impresa e delle spese ammissibili, ivi incluso il riconoscimento di una quota di finanziamento per la copertura delle esigenze di capitale circolante per il periodo di realizzazione del piano;
  3. l’incremento del finanziamento agevolato fino all’80% delle spese ammissibili e al 90% nel caso di società costituite da sole donne, da under 36 oppure se un socio ha il titolo di dottore di ricerca;
  4. l’aumento del fondo perduto per le imprese localizzate al Sud Italia fino al 30% dell’importo concesso per gli investimenti;
  5. modalità di rendicontazione più semplici, con la possibilità di ottenere le erogazioni per stati di avanzamento con fatture non quietanzate (i cui pagamenti possono dimostrati, entro sei mesi, al successivo stato di avanzamento) e contestuale erogazione della quota proporzionale di finanziamento inerente il capitale circolante; rendicontazione dei costi di personale con la modalità dei costi standard;
  6. estensione temporale del periodo di ammortamento per la restituzione del finanziamento fino a 10 anni.

Al fine di promuovere, su tutto il territorio nazionale, le condizioni per la diffusione di nuova imprenditorialità e sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata, è stato riordinato il regime di aiuto denominato Smart&Start, che è ora finalizzato a sostenere la nascita e lo sviluppo delle start-up innovative ed è applicabile sull’intero territorio nazionale.

Il nuovo intervento prevede l’agevolazione di programmi d’investimento e costi d’esercizio realizzati e sostenuti nell’ambito di piani d’impresa:

  • caratterizzati da un significativo contenuto tecnologico e innovativo;
  • mirati allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale;
  • finalizzati alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare delle agevolazioni:

  • le start up innovative;
  • le persone fisiche che intendono costituire una start up innovativa, anche se residenti all’estero o di nazionalità straniera.

REQUISITI RICHIESTI:

  • start up costituite da non più di 48 mesi;
  • valore della produzione < 5 milioni di euro;
  • costi riconducibili a R&S.

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Nell’ambito dei piani di impresa sono ammissibili i programmi di investimento aventi ad oggetto l’acquisizione di:

  • impianti, macchinari e attrezzature tecnologici, ovvero tecnico-scientifici, nuovi di fabbrica, funzionali alla realizzazione del progetto;
  • componenti hardware e software funzionali al progetto;
  • brevetti e licenze;
  • certificazioni, know-how e conoscenze tecniche, anche non brevettate, purchè direttamente correllate alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  • progettazione, sviluppo, personalizzazione, collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi, consulenze specialistiche tecnologiche funzionali al progetto di investimento, nonchè relativi interventi correlativi e adeguativi.

Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda ed entro i 2 anni successivi alla stipula del contratto di finanziamento. Le agevolazioni finanziarie consistono in un mutuo senza interessi, il cui valore può arrivare fino al 70% delle spese ammissibili (max € 1.050.000). Il valore del mutuo può arrivare all’80% delle spese ammissibili, se la start-up ha una compagine interamente costituita da giovani e/o donne o se tra i soci è presente un dottore di ricerca che rientra dall’estero (max 1.200.000).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *